Unione Europea sui trampoli: gli ultimi caotici, folli, mesi di Bruxelles sono iniziati

C’è dell’isteria nella reazione con cui il presidente della commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha accolto l’elezione di Donald Trump: “Credo che perderemo due anni, è il tempo che Trump impiegherà per fare il giro del mondo che non conosce”, per poi ribadire, “non riesco a immaginare cosa accadrebbe se mettesse in pratica ciò che ha detto in campagna elettorale, campagna che peraltro ho trovato disgustosa”. Reazione scomposta ma giustificata, quella di Juncker, perché con la nomina di Trump è avvenuta una rivoluzione copernicana: dalla politica monetaria a quella estera, d’ora in avanti gli Stati Uniti non saranno più freno, bensì motore delle forze centrifughe europee. La questione non è più se la UE imploderà, ma di stabilirne con accuratezza la data del collasso.

Se la Casa Bianca incendia l’Europa delle élite

Si respira un’aria frizzante dopo le elezioni presidenziali dell’8 novembre che hanno incoronato Donald Trump: dopo otto anni di Barack Hussein Obama e la prospettiva di altri quattro sotto il giogo di Hillary Rodham Clinton, con tutte le conseguenze del caso (escalation militare con la Russia, terrorismo islamico, immigrazione selvaggia, dittatura della tecnocrazia europea, razione quotidiana di politicamente corretto, etc. etc.), la prospettiva di una presidenza “populista” è un sollievo: è aria fresca e salubre da inspirare a bocca aperta. Donald Trump ha aperto i cancelli della caserma in cui le élite avevano irregimentato l’Occidente (“Trump presidente? Un pericoloso liberi tutti per il resto del mondo” ha commentato significativamente Mario Calabresi) ed ora, come soldati in libera uscita, si può uscire per divertirsi e fare danni: saltano le regole, saltano gli schemi, saltano le gerarchie, salta persino l’abc della diplomazia.

Capita così che un tecnocrate lussemburghese, tale Jean-Claude Juncker che il destino ha paracadutato sulla poltrona di presidente della Commissione Europea, insulti apertamente e ripetutamente (due volte nell’arco di una settimana), il nuovo inquilino della Casa Bianca: “ignorante, incapace, disgustoso” è il succo del pensiero di Juncker sul presidente in pectore. Reazione dell’interessato? Nessuna. Ed il silenzio di Donald Trump è più eversivo che mai: perché sprecare fiato con un tecnocrate alcolizzato che ha i mesi contati? Molto meglio un incontro a quattrocchi con Nigel Farage, l’euro-scettico d’acciaio che ha guidato e vinto la battaglia per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

Capita così che il rappresentante europeo per gli Affari Esteri, Federica Mogherini, convochi una cena a Bruxelles per discutere l’inatteso esito delle elezioni americane e, anziché presentarsi 28 ministri degli Esteri, accettino l’invito solo in 22: Regno Unito, Francia, Malta, Irlanda, Lituania e Ungheria saltano l’appello. Mogherini who? Je ne connais pas Madame Mogherini.

Capita così che il premier-cazzaro Matteo Renzi tenti un’operazione “alla Badoglio”, per unirsi in extremis all’esercito vittorioso che avanza: via le bandiere dell’Unione Europea dall’ufficio della Presidenza del Consiglio e minaccia di veto sul bilancio europeo, perché, come dice il fedelissimo Sandro Gozi, “noi non siamo né nazionalisti né populisti. Noi però siamo molto stanchi delle ambiguità e delle contraddizioni europee”.

L’elezione di Donald Trump è stata in effetti uno spartiacque per l’Unione Europea: è una svolta che avrà effetti dirompenti sulle istituzioni di Bruxelles e ciò spiega la reazione scomposta della tecnocrazia brussellese, la gelida risposta riservata alla Federica Mogherini, la disperata “conversione” di Renzi al populismo montante. Con la vittoria di un candidato “anti-establishment”, la geopolitica dell’Occidente è stata completamente stravolta: Washington, da garante e sostenitrice dell’integrazione europea, si è trasformata in una “centrale dell’eversione anti-establishment”, che alimenta ed incentiva le forze centrifughe in seno al continente. La Casa Bianca è assurta a punto di riferimento per tutti quei partiti nazionalisti ed anti-sistema che lavorano per lo smembramento dell’Unione Europea e la riconquista della piena sovranità: è un concetto ben espresso sia da Mario Calabresi (il sullodato “liberi tutti”), ma ancora meglio da Lucia Annunziata nell’articolo “Nuovo Ordine Mondiale” del 9 novembre1:

“La vittoria di Trump è la prima affermazione di un movimento anti-sistema che porta un suo leader al vertice. È un voto che istituzionalizza nel punto più alto del sistema il rifiuto del sistema stesso. In questo senso il voto americano legittima e tracima le stesse istanze in movimento in vari paesi – Europa e Italia incluse. Questa legittimazione sarà la singola più importante influenza che gli Stati Uniti di Trump eserciteranno sul resto del mondo negli anni a venire.”

Stati Uniti d’America, quindi, non più come garanti dell’ordine liberale post-45, basato sui pilastri NATO-CEE/UE, bensì come potenza “anti-sistema”, che legittima i movimenti nazionalisti, ostili alla globalizzazione e alla diluizione degli Stati-Nazione in organismi sovranazionali. Nel mutato contesto, la UE è poco più che un rudere di una fase storica archiviata: fa bene Jean-Claude Juncker ad agitarsi, perché la sua poltrona di presidente della commissione europea equivale al trono francese nel 1789.

Per capire come l’elezione alla Casa Bianca di un “populista” dia lo slancio finale alla dissoluzione della UE, bisogna ricordarne brevemente le origini. Il processo di federazione del continente è foraggiato e supervisionato sin dal 1945 (in realtà, fin dal primo dopoguerra attraverso figure del calibro di Richard Coudenhove-Kalergi) dall’élite finanziaria che vive tra la City londinese e Wall Street: progressista, liberista, mondialista, quest’oligarchia sogna gli Stati Uniti d’Europa, così da ancorare saldamente il continente all’Atlantico, dissolvere le Nazioni e contenere/isolare la Russia, grande potenza terrestre storicamente temuta dall’impero marittimo, prima inglese e poi angloamericano.

Collassata l’URSS (1991), l’oligarchia atlantica preme l’acceleratore, introducendo la moneta unica che, come disse già nel 1998 Milton Friedman, è il frutto di una impostazione non realistica, di una spinta elitaria di chi vuole usare la moneta unica per arrivare all’unione politica”. Di fronte al conclamato fallimento del progetto (databile 2013, in coincidenza della prima introduzione del “bail-in” nella crisi cipriota), le élite euro-atlantiche non hanno migliore idea che resuscitare la Guerra Fredda (unita alla strategia della tensione targata ISIS), così da sedare le spinte centrifughe in seno alla UE e riproporne l’originale funzione anti-russa. Non c’è alcun dubbio che l’elezione di Hillary Clinton avrebbe portato alle estreme conseguenze la strategia, incendiando i confini orientali dell’Europa.

Donald Trump è estraneo all’establishment liberal e pro-Unione Europea che si era raccolto dietro Hillary Clinton: è l’establishment, per fare qualche nome, del New York Times, del Financial Times, dell’Economist, del TIME, del Bilderberg, del Council on Foreign Relations, di Soros, dei Rothschild, degli Agnelli-Elkann, etc. etc. In quanto “nazionalista” e fautore di una politica protezionistica ed isolazionista, Trump è ostile a qualsiasi organismo “massonico-mondialista” sponsorizzato dalle élite, che si chiami Unione Europea od ONU (si ricordino i pesanti attacchi piovuti contro Trump dalla Nazioni Unite durante la campagna elettorale2). Per Trump, vale la definizione sopracitata dell’euro: la moneta unica è il frutto di una impostazione non realistica, di una spinta elitaria di chi vuole usare la moneta unica per arrivare all’unione politica”.

Accantonati i progetti di una federazione del continente, svanita l’esigenza di sedare le forze centrifughe con la “rinata minaccia russa”, la necessita di fomentare la tensione tra Occidente e Russia si dissolve, come, a maggior ragione, il bisogno di alimentare pericolosissime guerra per procura in Siria o Ucraina: se Trump ignora i tecnocrati di Bruxelles, si affretta però a telefonare a Vladimir Putin, concordando un incontro appena insediato alla Casa Bianca. Lo sconcerto nell’establishement euro-atlantico, dal ministro della Difesa tedesco, Ursula von der Leyen, al segretario generale dell’Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg, è grande: c’è il timore che i due presidenti trovino un accordo sopra le loro teste, condannando la NATO alla fine del vaso di coccio tra due vasi di ferro, gli Stati Uniti “nazionalisti ed isolazionisti” e la dinamica Russia di Vladimir Putin.

È questo uno scenario che non vale solo per la NATO, ma anche per il suo risvolto politico ed economico, l’Unione Europea. Se la Casa Bianca fomenta i “nazionalismi” europei, se nello studio ovale siede un “populista” che legittima i movimenti anti-establishment, anti-euro ed anti-immigrazione, se Washington è interessata ad un accordo di ampio respiro con Mosca e a riconoscerle una sfera d’influenza in Europa, ci può ancora essere un futuro per l’Unione Europea? La risposta è no e, come sempre capita, i primi ad accorgersi del mutato contesto politico sono gli Stati alla periferia del sistema: non ci riferiamo soltanto all‘Ungheria del nazionalista Viktor Orban che ha esultato per la vittoria di Trump, ma anche e soprattutto alla Bulgaria ed alla Moldavia, i cui elettori hanno ritenuto più opportuno alle consultazioni del 13 novembre sostenere i candidati filo-russi, invertendo così il processo di espansione della UE/NATO culminato nel febbraio 2014 col golpe che depose Viktor Yanukovich.

Il grande deflusso è quindi ufficialmente partito.

Dall’inizio dell’eurocrisi abbiamo assistito ad una Casa Bianca che si è fatta garante dell’integrità della moneta unica e della UE: è stata la FED nel settembre 2011 a concedere prestiti d’emergenza alle banche europee, è stato il FMI a studiare le ricette d’austerità per “risollevare” l’europeriferia, sono stati i servizi atlantici a fornire la lista Falciani con cui si è ricattato George Papadreou pronto a lasciare l’euro, è stata Washington che ha insistito affinché la Grecia restasse nell’eurozona, è stata l’amministrazione democratica a stigmatizzare gli squilibri prodotti dall’export tedesco, è stata sempre la Casa Bianca a caldeggiare la vittoria del “sì” al referendum costituzionale italiano per scongiurare un effetto domino sull’eurozona.

Ora, con l’elezione di Donald Trump, tutto è cambiato: alla Casa Bianca siede un un “populista” incendiario che lavora per la deflagrazione dell’Europa. In un contesto, per di più, dove incombe il rialzo dei tassi della FED, con tutte le  (drammatiche) conseguenze del caso.

Rialzo dei tassi ed appoggio ai populismi, come gli USA porteranno al collasso la UE

Qualcuno si sarà accorto che dopo la vittoria di Trump si è riprodotta, seppure su piccola scala, la stessa dinamica vissuta all’apice dell’eurocrisi: il differenziale tra Bund tedeschi e titoli periferici si è improvvisamene allargato (toccando i 180 punti base nel caso italiano) e l’euro si è indebolito, scendendo fino a 1,07 sul $. Nel frattempo, anche il rendimento dei titoli di Stato americani, i Treasury a dieci anni, è balzato, come è ben visibile nel grafico sottostante, portando con sé il rendimento di tutte le obbligazioni europee.
treasury

Che è successo?

Il mercato comincia a scontare la prossima mossa della FED: creata la più grande bolla azionaria ed obbligazionaria della storia, grazie a otto anni di denaro a costo zero, uscita dalla Casa Bianca l’amministrazione democratica che ha nutrito la bolla e spalleggiato prima Ben Bernanke e poi Janet Yellen, la Riserva Federale si prepara ad accogliere il “populista” Donald Trump con il rialzo del saggio di risconto, annunciato dal lontano 2013 e mai attuato.

Una simile prospettiva rafforza il dollaro (ed è quello che sta già avvenendo) e deprime il valore dei titoli di Stato, aumentandone il rendimento (idem). C’è una serie di drammatiche controindicazioni in questa strategia: i capitali, attratti dai tassi della FED più alti, defluiscono dal resto del mondo verso gli USA (e ciò spiega l’indebolimento dell’euro e l’improvviso aumento del rendimenti europei) e, soprattutto, la bolla azionaria ed obbligazionaria arriva al capolinea, secondo uno schema già sperimentato nel 2000 e nel 2008 (e se gettiamo lo sguardo al XX secolo, nel 1929). La FED, in sostanza, sta gettando le basi per una Lehman Brothers 2.0 che investirà un’eurozona molta più indebolita del 2008/2009, quando i differenziali tra Bund e titoli periferici conobbero la prima impennata3: le possibilità dell’eurozona di sopravvivere all’effetto combinato di un rialzo dei tassi della FED e dello scoppio della bolla azionaria, rasentano lo zero.

Sempre, ovviamente, che l’eurozona sopravviva abbastanza da vedere il nuovo corso della banca centrale statunitense: arriviamo così all’altro canale con cui gli Stati Uniti lavoreranno, d’ora in avanti, per la dissoluzione dell’Unione, quello politico.

L’Europa va incontro ad una serie di delicatissimi appuntamenti elettorali, dove il nuovo inquilino della Casa Bianca, il candidato che ha sdoganato su scala mondiale “i populisti”, non eserciterà più nessuna azione frenante sulle forze centrifughe dell’Unione Europea. Supponiamo di rivivere un momento simile alla crisi greca dell’estate 2015: davvero qualcuno crede che Trump farà pressione sulla Germania per tenere nell’eurozona questo o quel membro? Davvero qualcuno crede che il prossimo presidente degli Stati Uniti si opporrà all’uscita di un Paese dall’Unione Europea, dopo essersi consultato con Nigel Farage? Decisamente, no. Non c’è più nessun Barack Obama od Hillary Clinton ad affrontare l’imminente calendario infuocato per l’Europa.

Si è detto delle recenti elezioni in Bulgaria e Moldavia che hanno decretato la vittoria del candidati filo-russi ed anti-UE. Si prosegue il 4 dicembre con il doppio appuntamento del referendum costituzionale italiano e la ripetizione delle presidenziali austriache, invalidate dai brogli elettorali che regalarono la vittoria al candidato europeista: una vittoria del “No” in Italia e l’affermazione del populista Norbert Hofer in Austria, avrebbe pesanti ricadute sui rispettivi esecutivi, aprendo lo scenario di una “Italexit” e di una “Austriaexit”. Tocca poi all’Olanda che il 15 marzo vota per le legislative: il partito anti-europeista di Geert Wilders sarà determinante nei nuovi assetti dell’esecutivo. Si procede con la Francia che tra aprile e maggio terrà le due tornate delle presidenziali: la vittoria al primo turno di Marine Le Pen è certa e resta solo da stabilire chi, tra Nicolas Sarkozy e Alain Juppé, sarò lo sfidante al ballottaggio. I sondaggi danno per certa l’affermazione del repubblicano, ragion per cui è lecito supporre che si ripeta la stessa dinamica che ha regalato la vittoria a Trump, nonostante tutti i pronostici contrari.

A fine agosto, infine, è la volta del rinnovo del Bundestag: Angela Merkel, ufficialmente candidatasi per il quarto mandato, è l’ultima speranza delle élite euro-atlantiche e la garante della sopravvivenza dell’euro e delle politiche pro-immigrazione. Non a caso, è stata eletta dal New York Times come “Liberal West’s Last Defender”, “l’ultima paladina dell’Occidente liberale”, in un editoriale del 12 novembre4: non è azzardato ipotizzare, quindi, che la nuova amministrazione di Trump farà di tutto per sabotare la riconferma della “Hillary Clinton europea”, residuato di un’epoca di immigrazione selvaggia e aperta ostilità tra Occidente e Russia. E se affiorasse improvvisamente dagli archivi qualche incartamento che dimostri la collaborazione dell’ex-ricercatrice della DDR con il repressivo apparato di sicurezza della Stasi?

L’onda lunga del populismo, partita in Regno Unito ed ingrossatasi negli Stati Uniti, ha quindi dinnanzi a sé diverse occasioni per tracimare e sommergere l’Europa: entro la fine del 2017, grazie all’azione congiunta della FED e dello sdoganamento dei partititi populisti operato da Trump, l’Unione Europea e l’eurozona saranno solo un ricordo. La reazione isterica di Jean-Claude Juncker è più che comprensibile, riconosciamolo.

g7-summit-759

1http://www.huffingtonpost.it/lucia-annunziata/nuovo-ordine-mondiale_b_12878384.html

2http://www.ansa.it/usa_2016/notizie/2016/10/08/e-mosca-difende-trump-allonu-troppe-critiche_d2bad4f0-149e-4486-83c4-81eb714cf438.html

3http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/01/spread-bond-europa-bund.shtml?uuid=d3a8f598-e184-11dd-8573-891a1fb2d03c

4http://www.nytimes.com/2016/11/13/world/europe/germany-merkel-trump-election.html

Vota!
Precedente L'Italia dopo Trump: l'establishment attende inquieto la fine Successivo Italexit? L'imminente crisi bancaria

38 thoughts on “Unione Europea sui trampoli: gli ultimi caotici, folli, mesi di Bruxelles sono iniziati

  1. Stefano il said:

    Ottimo articolo Federico. Che dici, l’epicentro della prossima crisi economica sarà l’Italia (vedasi MPS)?

     
    • Federico Dezzani il said:

      Al 16 novembre, risponderei di sì. Il prox articolo forse è sull’argomento.

       
  2. Rosso Piceno il said:

    L’unica cosa che non capisco è il discorso rivalutazione/svalutazione del dollaro. E’ vero che il rialzo dei tassi porterà ad un afflusso di capitali negli Stati Uniti (ma gioveranno anche l’incertezza legata alla fine dell’euro e la paura generata nei paesi del terzo mondo dal timore del rialzo in sé) e quindi ad una rivalutazione della valuta americana. Gli statunitensi, però, hanno bisogno di svalutare, vista la situazione della loro bilancia commerciale (Bagnai parlava di effetto Nixon).

    Gli afflussi di capitali legati al rialzo dei tassi saranno sufficienti a compensare l’ulteriore aggravio della bilancia commerciale dovuto alla rivalutazione del dollaro? E un rialzo del dollaro, giunto ad una sua rivalutazione, non porterà alla rovina i paesi indebitati (Brasile, Turchia etc.) del resto del mondo?

    Secondo me (ma non sono un esperto) la combinazione dei vari fattori potrebbe portare a situazioni del tutto impreviste. L’unica cosa che prevedo con notevole facilità è che ci saranno sconvolgimenti terribili. Allacciamo le cinture … Avrei piacere di una sua ulteriore riflessione.

     
    • Federico Dezzani il said:

      Sì, il rialzo del $ con annesso terremoto globale, sarà l’ultimo frutto avvelenato regalato al resto del mondo. L’euro non ha nessuna probabilità di sopravvivere, proprio come il gold standard saltò nel 1931 dopo il rialzo dei tassi + crack di Wall street.

       
    • Rosso Piceno il said:

      Ah l’età che brutta cosa! Ho scritto questo:
      E un rialzo del dollaro, giunto ad una sua rivalutazione, non porterà alla rovina i paesi indebitati (Brasile, Turchia etc.) del resto del mondo?
      Ma intendevo dire:
      … giunto ad un aumento del tasso d’interesse …
      Pardon

       
  3. Andrea il said:

    Ottimo SAMIZDAT* come al solito. Io ho solo paura che ammazzino Trump. Ne hanno fatti fuori troppi per non lasciarsi andare a questa tentazione.
    ————————————————————————————————————————————————
    * = “Samizdat” è una parola che capisco dal russo: significa “autopubblicazione”. Giusto? Молодец, ты действительно крутой!

     
    • Francesca Ancona il said:

      Non amazzano Trump, nessun timore per questo, perché un potere l’ha messo lì e basta! Io sento, scusate se parlo molto per sensazioni mie, che c’è un potere più alto che ha deciso di cambiare rotta e, quindi, di mandare via tutta la cricca dei servitori di Bruxelles, di scombinare le carte di un progetto ormai fallito. Penso che questa cosa era nell’atmosfera già da tempo, ecco perché abbiamo visto un Junker dedito all’alcolismo, secondo me aveva già avuto qualche avviso di mandata. C’è un potere che è molto più in alto, o potrebbero esserci due poteri opposti, cmq sento che chi ha instaurato il circo dell’Europa Unita, liberalismo ecc., è lo stesso che lo sta distruggendo. Semplicemente perché ha capito il fallimento del progetto. Cosa succederà ora, chi vivrà vedrà.

      La cosa che mi preoccupa è l’Italia libera, libera dall’Europa e Usa, ma non libera dalle mafie. Se vince il No è tutto imprevedibile, tutto può accadere, ma se vincesse il Sì (mi terrorizza questa idea) il ducetto Renzi chi lo sposta? Ma no o sì l’Italia deve combattere con la sua criminalità interna, se no si vivrà sempre in una sorta di dittatura.

      Un altro scenario: si sgretola l’Europa e se, per questi sentimenti nuovi, cominciasse a sgretolarsi anche l’Italia unita? Abbiamo tanti paesi indipendentisti e ancora tanto odio tra Nord e Sud, anzi, mai visto come ora. Forse potrebbe essere una soluzione? (le mafie campano perché c’è il nord)

       
      • Federico Dezzani il said:

        L’Italia ha un senso geopolitico se la si impiega in senso latitudinale come ponte tra l’Europa ed il Medio Oriente.

         
      • Andrea il said:

        Cara Francesca, se Trump fosse stata una marionetta non avrebbero bruciato immense risorse per contrastarlo. Sarebbe stata la solita elezione con lo sbadiglio perche’ i poteri forti controllavano entrambi i candidati. La Botteri non si sarebbe sbugiardata e i media non avrebbero coperto la loro propaganda e le loro menzogne con la scusa dell'”elezione imprevista”. Oggi non ci sarebbero le proteste finanziate da Soros. Non si sarebbe neppure pensato a convincere i grandi elettori a votare Hillary invece di Trump all’elezione formale di dicembre. Trump e’ certamente una testa calda incontrollabile proprio perche’ autonomo. Ha un progetto assurdo per le mani, ridimensionare l’impero. Non puo’ essere un prodotto dei poteri forti, che non rinnegherebbero mai se stessi. Speriamo solo che non lo facciano fuori.

         
      • Robertus il said:

        Francesca ha toccato un tasto dolente e temo che potrebbe aver ragione quando parla di due poteri opposti, a mio parere una parte del potere, più conservatrice, in disaccordo.
        Ci sono diversi elementi concreti a favore della tesi che Trump sia appoggiato da una parte delle élites:
        – le felicitazioni del primo ministro israeliano Netanhyau;
        – la recente nomina a direttore della CIA di Mike Pompeo, che vuole stracciare l’accordo con l’Iran (http://www.ansa.it/usa_2016/notizie/2016/11/18/trump-riceve-abe.-il-premier-giapponese-leader-affidabile_1b10bf02-f635-4af9-8de6-049709004262.html)
        – gli spintonamenti di John Bolton per entrare nella squadra di governo;
        – Ron Paul che mette in guardia dal “governo ombra”.

        C’è un’altra tesi, non meno preoccupante: a Trump è stata “concessa” la vittoria perché la bolla finanziaria è ormai inevitabile e sarebbe un buon capro espiatorio. Lo spiega Mauro Bottarelli in questo articolo: http://www.rischiocalcolato.it/2016/11/skytg24-hillary-perso-causa-della-post-verita-loperaio-incazzato-dellindiana-non-esiste.html

        Riguardo lo sgretolamento dell’Italia, anche qui Francesca potrebbe non vederci male. Più che odio tra Nord e Sud, io vedo un aumento dell’individualismo e della chiusura a riccio, reazione dovuta alla crisi economica e all’invasione programmata dei “migranti”. Come avevo sottolineato in un commento ad un altro articolo, l’Italia è stata unificata per volere delle massonerie britannica e francese: a nord bisognava eliminare il nemico Austriaco, ultimo baluardo del Sacro Romano Impero, a sud il Regno delle Due Sicilie aveva una flotta all’avanguardia (orrore per Francia e Gran Bretagna), riserve d’oro, un settore industriale all’avanguardia per l’epoca e una avanzata rete ferroviaria. Il risultato delle opere dei gran massoni Garibaldi, Cavour, Vittorio Emanuele e Mazzini ce li abbiamo ancora oggi, con le mafie appunto.
        Un possibile sgretolamento dell’Italia, accompagnato da una guerra civile, potrebbe esser possibile perché la classe politica attuale non offre nuove personalità forti, come Putin è per la Russia. Non è necessario un Mussolini, basterebbe un Craxi, un Andreotti od un Cossiga, ma il sig. Salvini proprio non mi convince…

         
  4. Davide Maglio il said:

    Federico, se tu fossi una donna potrei innamorarmi di te 😀

    Si scherza veh… continua così!!!!

     
    • Davide Maglio il said:

      Federico,

      (groupie mode on :-D))

      il tuo blog è l’unico che commento (anche per la semplicità con cui interagisci con i visitatori) e oggi ho pure condiviso sul faccialibro il tuo samizdat 😉

      appena avrò un po’ di tempo leggerò i tuoi libri..

       
  5. Willy Muenzenberg il said:

    Parrinieddu si è rifugiato al Sud.
    Non è che, visto che a Zurigo sono in fuga, le loro signorie?…Magari una telefonata ai parenti, cui ho mandato la lettera?… Non fuggi’ il Savoia, di cui Gramsci mi parlava, anche lui nel vostro Sud?

     
  6. luigiza il said:

    Mi permetto di segnalare una visione leggermente diversa (diversa non antitetica a quella del Dezzani) del Trump e sul perchè sia apparso sulla scena politica USA
    ANALISI DELLA POSTA CHE ERA IN PALIO NELLE ELEZIONI USA. di Pino Germinario

    Riporto qui di seguito la chiusa:
    Il timore è che il nascere di una alternativa politica fondata sul riconoscimento delle forze in campo internazionali e sul recupero di una economia più equilibrata in una situazione interna così fragile porti alla sconfessione di una intera classe dirigente e al crollo del sistema di relazioni illustrato.

    Come vedete NON c’è ombra di complottismo ma solo sanissimo realismo. Alla Dezzani per dire.

     
  7. BRANCA DORIA il said:

    ci rendiamo conto della botta di fortuna che abbiamo avuto?
    ci rendiamo conto del favore che ci ha fatto l’elettore del Midwest?

     
    • Davide Maglio il said:

      Si Branca, purtroppo sempre a ruota degli altri dobbiamo andare…
      Leggendo Storia D’Italia di Montanelli (di cui ultimamente non so più se pensare bene o male…ormai non mi fido più di nessuno:-)) più volte veniva ripetuto il concetto che alcune nazioni (o tali in embrione) europee fin dal medioevo avevano sviluppato il concetto di identità nazionale, mentre gli italiani erano il “popolo di santi, navigatori, etc.”

      Peraltro questo fatto non si dovrebbe ascrivere alla ben nota frammentazione dell’Italia in tanti “staterelli” , perchè la stessa cosa non è accaduta ad es. alla Germania (anche lei unificatasi solo nella seconda metà dell’ottocento).

      Di sicuro abbiamo tanti pregi (ed anche difetti, come tutti quanti..), ma ci trasciniamo quel senso d’inferiorità quasi atavico, secondo me ingiustficato..

       
  8. stiv de biasio il said:

    a parte che purtroppo non credo che faranno mangiare il secondo panettone a trump(quindi si tornera in tempo zero allo status quo attuale,purtroppo)ma soprattutto qualcuno mi puo spiegare come si puo salvare l italia in tale caos globale presentandosi(col no al ref. e al successivo ritorno al proporzionale)con un parlamento assolutamente ingovernabile e in cui sarebbero impossibili pure le larghe intese?tra l altro la speculazione ci distruggerebbe…io sono anti clinton ma non vedo futuri rosei per l italia con trump,anzi forse è molto peggio…

     
    • Augusto il said:

      Bhe, peggio che finire in stato di guerra con la Russia (effetto Clinton) forse no.
      Certo, con un parlamento spezzettato e senza un padrone disponibile a farci salire sul suo carro… avremo dei problemi. Temo.
      Tutto sta a come voteranno gli italiani al prox referendum e prox elezioni; alla fine… chi é causa del suo mal pianga se stesso.

       
      • Federico Dezzani il said:

        A me la situazione non dispiace affatto: grandi rischi, grandi opportunità.

         
        • sniper il said:

          In parte concordo, ma:
          Quali potrebbero essere le grandi opportunità?
          Io vedo solo prospettarsi un lungo periodo di incertezza

           
        • Federico Dezzani il said:

          Le grandi opportunità sono il riacquisto della sovranità monetaria e politica, conditio sine qua non per la ripresa economica, demografica e sociale di questo Paese.

           
  9. Tenerone Dolcissimo il said:

    Non credo proprio che il crollo di euro e/o UE sia vicino. Probabilmente euro ed UE hanno i decenni contati, ma avendo 60 anni non penso di assistere al crollo.
    Ovviamente spero di sbagliarmi e di venire sbeffeggiato dai partecipanti a questo blog

     
    • Germano il said:

      Decenni non penso, le economie di Francia e Italia (e non solo) hanno un’autonomia di pochi anni/mesi (grazie a Draghi, altrimenti saremmo già al capitolo fine), e ancor prima della fine penso che sacrificheranno quella italiana per puntellare quella francese.

       
    • Andrea il said:

      Caro Tenerone, forse l’euro ha contati non i decenni ma i mesi. E’ un sistema a cambi fissi che non regge. Con una grande crisi economica in arrivo, con una nuova amministrazione americana post-imperiale, con il sostegno popolare prossimo allo zero, con le istituzioni europee vicino al tracollo… la fine dell’euro e’ evidentemente arrivata. Nessuno fara’ annunci in anticipo, affinche’ nessuno possa cautelarsi. Le banche riceveranno l’ordine di trasformare tutti i conti in lire da un giorno all’altro. Speriamo solo che l’Italia sia tra le prime nazioni ad uscire e a riceverne i benefici. La paura paventata di balzi inflattivi nel caso di uscita dall’euro e’ semplicemente ridicola; il vero problema di oggi e’ la deflazione, non l’inflazione.

       
      • Il giorno in cui dal bancomat torneranno ad uscire le lire, vorrà dire che siamo fuori dall’incubo EU e che il peggio è passato.
        Le ricostruzioni anche istituzionali portano soldi, l’unico elemento che mi preoccupa sono i migranti/stranieri arabi, torneranno in bell’ordine da dove sono stati importati o ci saranno lotte senza quartiere per accaparrarsi un posto sul suolo europeo? Cosa pensate che succederà ai milioni di persone che hanno fatto entrare in Europa?

         
        • Andrea il said:

          Mia opinione sui migranti:
          1) Quelli di passaggio di fatto spariranno, perché non potranno più usare l’Italia per andare nel nord Europa.
          2) Una ripresa economica dell’Italia potrebbe renderla più attraente per i migranti, ma con la ripresa economica arriverebbe anche un maggior peso nella scena geopolitica. Il governo italiano potrebbe tornare agli accordi di Berlusconi con la Libia e bloccare il flusso dei migranti alla fonte
          3) Una ripresa economica dell’Italia senza una maggiore autonomia sulla scena internazionale che le consenta una politica propria in Libia è da escludere a priori.

           
  10. Federico,
    Continuo a concordare al 99% con la tua analisi.
    Tranne sui tempi: entro la fine del 2017 l’Unione Europea e l’unione valutaria (quella monetaria non c’è mai stata) secondo te saranno solo un ricordo.
    Inizialmente pensavo che il 09 novembre 2016 potesse veramente rappresentare per l’Europa occidentale, quello che è stato il 09 novembre 1989 per quella centrale.
    Ora ritengo che la vittoria repubblicana al Senato e al Congresso, da confermare tra un paio d’anni, e l’arrivo di Trump alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017, siano paragonabili all’elezione di Mikhail Gorbaciov a segretario del PCUS nel 1985.
    L’Unione Sovietica, il Patto di Varsavia, il Comecom, ma anche la Yugoslavia, ecc. sparirono di scena, ma nell’estate del 1991 e, il 07 ottobre 1989, a Berlino Est, si celebrava il quarantesimo anniversario della DDR.
    Non credo che avverrà tutto in dodici mesi, bensì in qualche anno.
    Probabilmente per la fine di questo decennio, l’ordine mondiale del 1945 sarà quasi completamente mutato o comunque sarà in piena fase di trasformazione.
    Sono d’accordo con te che viviamo un periodo storico di grandi opportunità e che ci sono in questo paese, ancora molte persone valide, per farlo risorgere, ripartendo da una ritrovata indipendenza da eserciti di occupazione stranieri e da una ritrovata sovranità monetaria.

     
  11. Massi Prad il said:

    Federico,
    Continuo a concordare al 99% con la tua analisi.
    Tranne sui tempi: entro la fine del 2017 l’Unione Europea e l’unione valutaria (quella monetaria non c’è mai stata) secondo te saranno solo un ricordo.
    Inizialmente pensavo che il 09 novembre 2016 potesse veramente rappresentare, per l’Europa occidentale, quello che è stato il 09 novembre 1989 per quella centrale.
    Ora ritengo che la vittoria repubblicana al Senato e al Congresso statunitense, da confermare tra un paio d’anni, e l’arrivo di Trump alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017, siano paragonabili all’elezione di Mikhail Gorbaciov a segretario del PCUS nel 1985.
    L’Unione Sovietica, il Patto di Varsavia, il Comecom, ma anche la Yugoslavia, ecc., sparirono di scena, ma nell’estate del 1991 e, il 07 ottobre 1989, a Berlino Est, si celebrava il quarantesimo anniversario della DDR.
    Non credo che avverrà tutto in dodici mesi, bensì in qualche anno.
    Probabilmente per la fine di questo decennio, l’ordine mondiale del 1945 sarà quasi completamente mutato o comunque sarà in piena fase di trasformazione.
    Sono d’accordo con te che viviamo un periodo storico di grandi opportunità e che ci sono in questo paese, ancora molte persone valide, per farlo risorgere, ripartendo da una ritrovata indipendenza da eserciti di occupazione stranieri e da una ritrovata sovranità monetaria.

     
  12. Maurizio agostini il said:

    Davvero brillante. Complimenti. Ma il negretto italiano è Grillo non Renzi.

     

I commenti sono chiusi.